Salta navigazione
Le tue preferenze sono state salvate
Puoi aggiornare le tue preferenze di contatto in qualsiasi momento nella sezione Le tue preferenze di contatto de Il Mio Account. Se hai un account Dyson puoi effettuare l'accesso qui sotto per gestire tutte le opzioni di contatto (inclusi telefono, sms e posta).
L'auto

Capitolo 9

L'auto

  • I primi bozzetti concettuali dell’auto.

  • Uno degli aspetti del progetto dell'auto che io e Pete abbiamo apprezzato di più è stato poter lavorare con l’argilla sul modello in scala. Se guardate attentamente potete vedere che abbiamo usato uno specchio per aiutarci. La forma dell'auto era del tutto organica, nata dall'ingegneria piuttosto che da uno stile specifico.

  • Modello in scala dell’auto elettrica. Un progetto che è rimasto top secret per molti anni, N526 era il nostro nome in codice - come si può vedere qui sulla targa di registrazione.

  • Quando abbiamo iniziato il progetto dell'auto, l'architetto Chris Wilkinson ha creato uno spazio segreto per il piccolo ed eccezionale team all'interno di uno dei nostri edifici nel campus di Malmesbury. Si trovava vicino a dove c'era la linea di produzione degli aspirapolvere, molti anni prima. Quando ho deciso di fermare il progetto, il team era cresciuto fino a 500 persone e come base aveva il nostro campo d'aviazione appena rinnovato, Hullavington.

  • Come il classico del design di Alec Issigonis, la Mini, abbiamo posizionato le ruote della nostra auto ai bordi esterni della carrozzeria. Questo ha creato maggiore spazio all'interno per i passeggeri, e un grande vano batteria e migliorato la maneggevolezza della vettura. Le larghe ruote sarebbero state le più grandi sul mercato. Hanno permesso una minore resistenza al rotolamento e una migliore guida.

  • Una prima idea dell’auto.

  • Testando una prima versione dei sedili. Di grande rilevanza il comfort per il guidatore e per ogni passeggero.

  • Il design definitivo dei sedili. Molto comode, erano il mio omaggio all'iconica sedia imbottita di Eames. Raggiungere questo design fu più complicato del previsto. Le leggi sulla sicurezza per i sedili auto significavano che dovevamo essere ancora più creativi nell'aderire ai regolamenti senza che il design fosse la brutta norma che si vede nella maggior parte delle auto di oggi.

  • Abbiamo fatto di tutto per tenere l'auto nascosta. L'abbiamo portata all'esterno solo in un recinto con schermi per schermarla dalla vista. Quello che vedete qui è in realtà un modello in argilla.

  • Le mie annotazioni sulla vista posteriore dell'auto. Se non posso dare un feedback ai nostri ingegneri o lavorare su un progetto di persona, mi piace scrivere a mano le mie note come facevo agli inizi.

  • Con una capienza fino a sette persone, l’auto era stata progettata per essere spaziosa e confortevole. Questo è stato reso possibile grazie alla disposizione delle ruote.

  • Sul volante dell’auto sono concentrati tutti i comandi per una console centrale più ordinata. Il design ha eliminato la necessità di armeggiare con gli interruttori sul cruscotto.

  • Uno degli hangar dell'aeroporto di Hullavington in costruzione prima della seconda guerra mondiale. Era importante per me riportarli in vita piuttosto che semplicemente demolirli e ricominciare da capo quando abbiamo comprato la proprietà.

  • L’interno dell’hangar 86 prima che ci trasferissimo.

  • Lavorando sempre attivamente al progetto dell'auto!

  • I sedili furono progettati con imbottiture orizzontali per supporto lombare e buona ventilazione e per seguire le curve del corpo.

  • L'auto è stata progettata per funzionare su tutti i terreni - compresa la capacità di guadare attraverso inondazioni improvvise fino a 920 mm di profondità. Aveva quattro ruote motrici e quattro ruote sterzanti.

  • I fari anteriori erano proiettori e abbiamo usato l'acrilico a bordo vivo per gli indicatori che dà una striscia di luce molto più intensa.

  • The battery tray for the car on a trolley. Più di 8.500 celle di batteria davano un'autonomia di 600 miglia.

  • A marzo 2020, con lo scoppiare della pandemia di COVID-19, gli ingegneri Dyson hanno fermato qualsiasi altra attività per progettare un ventilatore che aiutasse a salvare vite. Hanno portato a termine il progetto in soli 30 giorni e Dyson ha assorbito i 20 milioni di sterline che gli è costato. Sono fiero di lavorare fianco a fianco a persone di questo tipo.