Salta navigazione
Le tue preferenze sono state salvate
Puoi aggiornare le tue preferenze di contatto in qualsiasi momento nella sezione Le tue preferenze di contatto de Il Mio Account. Se hai un account Dyson puoi effettuare l'accesso qui sotto per gestire tutte le opzioni di contatto (inclusi telefono, sms e posta).
Laser on the V15 Detect

Dietro il laser

La tecnologia laser di Dyson V15 Detect spiegata: come gli ingegneri Dyson hanno reso l'invisibile, visibile 

  • "È stato uno di quei momenti da doccia", racconta Stephen Dimbylow, Head of New Product Innovation per la categoria Floorcare Dyson, dall'interno del D9, il laboratorio top-secret per la ricerca e lo sviluppo a Malmsbury, nel Regno Unito. "Non so come sia successo, ma ricordo che mio padre mi diceva che se abbassi lo sguardo al livello del pavimento, puoi individuare qualsiasi cosa tu abbia perso perché salta fuori sopra la superficie del pavimento. Così, un giorno, ho pensato, forse se combiniamo un laser a basso livello, possiamo illuminare la polvere sul pavimento?" dice entusiasta.

     

    Mentre Dimbylow e il suo team stavano studiando l'effetto di illuminazione delle superfici per rivelare la polvere nascosta da anni, un esperimento approssimativo con una penna laser per bambini ha generato il progetto dell'aspirapolvere senza fili più potente e intelligente di Dyson, il V15 Detect. "Ho portato quel laser in laboratorio e ho iniziato a farlo brillare sul pavimento, muovendolo da un lato all'altro molto rapidamente per illuminare una zona di polvere... poi abbiamo provato una luce laser da discoteca a basso livello ed è stato incredibile. Si potevano vedere piccole scintille di luce verde a metri di distanza, era sbalorditivo", dice Dimbylow.

  • Al di là del test iniziale e della prova del progetto, Dimbylow e il suo team si sono concentrati sul perfezionamento del raggio di luce laser, provando diverse lenti e creando una scatola di controllo e un impianto su cui potevano montarlo per aiutare a creare l'esatto profilo del raggio necessario. "Sapevamo che sarebbe stato un raggio molto stretto, largo e piatto", spiega. "Quando ho provato l'impianto di prova, ha illuminato tutto ciò che speravamo. Potevi davvero vedere dove eri stato con la testa dell'aspirapolvere". Mentre è possibile seguire visibilmente i progressi della macchina su un tappeto attraverso le macchie " trattate", fare lo stesso sui pavimenti duri è più di una sfida. "Con il laser, ora è possibile tracciare il progresso su un pavimento duro per la prima volta... siamo rimasti davvero sbalorditi". Lavorando su tutti i problemi pratici, gli ingegneri Dyson si sono assicurati che il laser fosse abbastanza potente da illuminare le microscopiche particelle di polvere, ma anche abbastanza sicuro da essere usato nelle case di tutto il mondo. "Abbiamo imparato molto presto che la luce verde era molto più percepibile per l'occhio umano rispetto alla luce laser rossa - c'è uno spettro che l'occhio umano preferisce, il che lo rende più visibile".

  • Laser on the V15 Detect
    Guarda
  • Preparare la nuova tecnologia per la produzione ha comportato varie sfide. Con un laser incorporato nella testa, il calore generato dal circuito del laser doveva essere raffreddato dall'aria che scorre attraverso la macchina, mentre tutto questo doveva essere accuratamente racchiuso in una testa a vuoto esistente. "Non volevamo rendere la tecnologia più larga e non volevamo adattarla in modo massiccio, quindi sapevamo di avere uno spazio molto ridotto con cui lavorare", afferma.
     

    Per aiutare a perfezionare il raggio laser, Dimbylow si è rivolta al team di illuminazione di Dyson per una consulenza sul progetto. Utilizzando il software specializzato all'interno del laboratorio di ricerca e sviluppo D9, il team di illuminazione è stato in grado di simulare diverse lenti alla ricerca di un raggio di luce perfettamente bilanciato. Con la ricerca iniziale completata, il progetto è stato consegnato al team di sviluppo prodotti di Dyson, che ha preparato il nuovo concetto di aspirazione per la produzione.  

     

    Mentre l'illuminazione è stata una caratteristica degli aspirapolvere per molti anni, il Dyson V15 Detect si distingue utilizzando la luce focalizzata - sotto forma di un laser angolato con precisione - per rilevare le particelle di polvere microscopiche solitamente invisibili ad occhio nudo. " Abbiamo evitato l'idea di illuminare il pavimento in generale perché non pensavamo che fosse di grande valore. Ma il laser ci ha permesso di fare la differenza. Ha permesso alla luce di diventare utile, di mostrare effettivamente la polvere nascosta - la polvere che non si può vedere altrimenti", dice Dimbylow.

     

    Ora disponibile in tutto il mondo, il Dyson V15 Detect ha fatto molta strada da quei primi esperimenti con i laser sul pavimento del D9. "Il mio ruolo è estremamente gratificante perché si arriva a creare queste cose, e poi due, tre o quattro anni dopo, si arriva a vederle sul mercato - si può vedere il successo", racconta, riflettendo sul progetto. "Chiunque può avere un'idea, ma dimostrare che è una buona idea richiede tutto lo sforzo. Alcune idee si possono avere in un istante e poi ci vogliono cinque anni di duro lavoro per portarle in vita", dice con un sorriso.

     

    Dopo che James Dyson ha realizzato 5.127 prototipi per rendere il suo primo aspirapolvere il migliore possibile, l'approccio di Dimbylow all'invenzione suggerisce che non è cambiato molto nell'atteggiamento degli ingegneri Dyson oggi. "Il desiderio di inventare prodotti migliori e macchine più efficaci è ossessivo", ammette. "Ci pensi la mattina quando ti prepari per il lavoro, la sera e ogni volta che usi una macchina - ci pensi sempre. In effetti, con qualsiasi prodotto, si viene frustrati dai loro difetti e, suppongo, è proprio questo che ti spinge a renderli migliori".

Contatti stampa