Salta navigazione
Le tue preferenze sono state salvate
Puoi aggiornare le tue preferenze di contatto in qualsiasi momento nella sezione Le tue preferenze di contatto de Il Mio Account. Se hai un account Dyson puoi effettuare l'accesso qui sotto per gestire tutte le opzioni di contatto (inclusi telefono, sms e posta).
Feature Motif
Un Natale sereno con una casa pulita e sana

Dyson porta 200 mila api nel cuore di Milano

Quattro arnie installate all’interno di Parco Segantini con l’obiettivo di favorire la biodiversità e monitorare la qualità dell’aria

In occasione della Giornata Mondiale delle Api, Dyson annuncia di aver installato quattro arnie all’interno di Parco Segantini a Milano - a pochi passi dalla Darsena e dal Naviglio Grande, nel cuore della città – contribuendo così alla tutela di 200 mila api, insetti impollinatori fondamentali per la biodiversità terrestre.

Rappresentando un potente bioindicatore, le api sono in grado di rilevare i principali inquinanti presenti nell’aria che respiriamo: dai metalli pesanti ai pesticidi, dal particolato aerodisperso al PM 0,1 (particolato ultrafine respirabile), fino ai VOC (Composti Organici Volatili). Il progetto Dyson quindi, oltre all’importante impatto sociale e ambientale, si focalizza sul ruolo che le api giocano nel monitoraggio della qualità dell’aria: tematica che vede Dyson da sempre in prima linea sia nella creazione di nuove tecnologie, sia nello studio dell’inquinamento nelle nostre città.

L'iniziativa fa infatti seguito ai progetti di monitoraggio della qualità dell'aria condotti da Dyson durante la pandemia, e Milano è stata una delle città partecipanti allo studio. La ricerca ha scoperto che mentre i livelli di PM2.5 – nel capoluogo meneghino - sono calati durante la pandemia, i livelli di NO2 sono aumentati. Questa nuova iniziativa che si avvale delle api in quanto bioindicatori, ci aiuterà a tracciare un quadro più ampio del cambiamento dei livelli di qualità dell'aria in città.

  • Dyson Omni-glide cordless vacuum.
  • L'analisi della qualità dell'aria

    A condurre le analisi di bio-monitoraggio sull’attività delle api, sarà l’Università Cattolica di Piacenza - partner scientifico dell’iniziativa - con la ricercatrice in entomologia Ilaria Negri  che effettuerà tre campionamenti di miele e api bottinatrici, rappresentativi delle tre stagioni produttive dell’anno (maggio, luglio, settembre); la salute e il benessere delle api, invece, sono assicurati grazie al supporto di un apicoltore biologico professionista. I circa 120 chili di miele che verranno prodotti dalle api saranno donati all’Associazione Parco Segantini. 

    Marco Pellecchia, biologo e Dottore di Ricerca in biologia animale che si occuperà delle analisi nei prossimi mesi, dichiara: “Sono davvero entusiasta della collaborazione con Dyson. Collocare un apiario nella città di Milano è innanzitutto un segnale di attenzione per la conservazione dell'ambiente in un ambito, quello cittadino, che non è più agli antipodi con la biodiversità: dal punto di vista ecologico, infatti, la città deve essere considerata come un habitat peculiare per piante ed animali, i quali - sempre più spesso e sempre più numerosi - vi trovano rifugio”. E prosegue: “Grazie alle api che, volando, si ricoprono di pulviscolo atmosferico - che gli abitanti della città respirano ogni giorno - sarà possibile studiare la morfologia e la composizione chimica del particolato col quale esse vengono in contatto, giungendo a definirne le fonti di emissione: che aria respiriamo? Quale sarà l'impatto del traffico urbano sulle polveri raccolte dalle api? Ci aspetta un lungo viaggio che aumenterà la consapevolezza su quelle particelle che ‘galleggiano’ invisibili nell’aria di una grande città”.

Dall'agricoltura pionieristica alla qualità dell'aria: il DNA sostenibile di Dyson

Christabel Burton, membro del Direttivo dell’Associazione Parco Segantini, commenta così: “Grazie alle api impariamo molto sulla complessità del nostro piccolo ecosistema; inoltre notiamo che gli insetti stanno bene e producono tanto miele, il che significa che l’ambiente è ottimale per loro, con una progressione costante di abbondanti fioriture e nessun uso di pesticidi”.

Le arnie, sono state inserite nel parco in un’area dedicata e delimitata, garantendo totale sicurezza per tutti i visitatori, che potranno osservare l’attività delle api all’interno del contesto urbano.

Il progetto si baserà anche sul coinvolgimento di Dyson nel Regno Unito con le fattorie Dyson Farming - dove vengono utilizzati metodi agricoli pionieristici per trasformare l'agricoltura, in linea con il DNA innovativo e sostenibile della società. L'uso di miscele di polline e nettare in tutte le tenute fornisce anche un habitat eccellente per gli impollinatori, che ha portato alla scoperta della rara ape minatrice nel Lincolnshire, invisibile nella regione da oltre cento anni. Nei campus tecnologici di Dyson, gli studenti universitari del Dyson Institute of Engineering Technology hanno attinto alle loro conoscenze di ingegneria per costruire quattro alveari all’interno del campus universitario di Hullavington; i giovani ingegneri stanno anche sviluppando un progetto per rendere gli alveari "intelligenti" per monitorare e analizzare la vita all'interno.

Contatti Stampa